Fatturazione elettronica: come richiedere il codice univoco destinatario

Codice univoco destinatario

 

La registrazione dell’indirizzo telematico non è obbligatoria ma, una volta attivato,  consente di abbinare la PEC o il Codice Destinatario del soggetto ricevente alla propria Partita IVA, difatto garantendo la consegna del documento.

I soggetti abilitati alla registrazione dell’indirizzo telematico sono:

  • il soggetto stesso (persona fisica titolare di partita IVA),
  • il legale rappresentante della società
  • un intermediario abilitato (art. 3, comma 3, del D.P.R. 322/1998) a tal fine
    delegato.

Il nostro studio utilizza un apposito software sia per l'emissione delle fatture attive che per l'attribuzione del codice univoco e la ricezione fatture d'acquisto. Inoltre, tramite apposita delega, provvederemo a comunicare il codice univoco all'agenzia delle entrate: la vostra azienda o il vostro studio non dovrà preoccuparsi di nulla!

Leggi anche:

  1. Come ricevere la fattura elettronica
  2. Il nostro software: 100% online
  3. Il Qr-code
  4. Cosa fare in caso di problemi in fase di emissione della fattura
  5. Cosa fare per  i clienti privati e soggetti privi del codice destinatario

Vuoi ricevere l'invito per email a testare gratuitamente per un periodo di prova il  programma di fatturazione ? Inviaci di  i tuoi dati mezzo email!